Carta: tutto quello che c’è da sapere

Tecniche e lavorazioni per esaltare il tuo prodotto


“La differenza tra qualcosa di buono e qualcosa di grande è l’attenzione ai dettagli” (Charles R. Swindoll).

Dettagli…quante volte scegliamo un prodotto perché ha quel dettaglio in più che ci colpisce, una confezione più curata, una sensazione più piacevole al tatto, oltre che alla vista?
La risposta già la conosciamo, e oggi vogliamo parlarvi di come rendere unico il vostro prodotto attraverso un elemento che non deve essere trascurato: la scelta della carta.

 

Carta patinata opaca, lucida, semilucida, satinata, e ancora, carta naturale, riciclata, goffrata, vergata, nobilitata. Tanti tipi di carta per tante differenti lavorazioni, dal semplice dépliant al catalogo, dal packaging all’espositore per il punto vendita.

Le carte si distinguono, oltre che per la composizione, per il modo in cui sono lavorate. Le carte cosiddette speciali o creative sono quelle carte che hanno subito un processo particolare e sono ideali per attirare l’attenzione, suscitare curiosità e comunicare in maniera unica ed esclusiva.

Per scegliere la carta più adeguata e la lavorazione più adatta dobbiamo conoscere bene il prodotto e aver chiaro il messaggio che vogliamo trasmettere:

 

  • Un prodotto di pregio, è consigliabile abbinarlo ad un packaging rivestito da carte speciali, con colori e goffrature ricercate, adatte ad essere nobilitate e lavorate. Nel caso di una bottiglia di vino, ad esempio, l’attenzione del consumatore finale sarà catturata più facilmente da un cofanetto o da un’etichetta che risalta all’occhio tra la moltitudine di referenze a scaffale. L’utilizzo di carte goffrate e lamine dai colori brillanti trasmetterà una sensazione di maggior valore e qualità del prodotto.

 

  • Se il tuo prodotto è ecosostenibile, la scelta dei materiali dovrà essere coerente con la filosofia green.
    Invece che utilizzare carte con plastificazionee, ti potrai orientare su carte naturali, di riso, bamboo, o su carte che contengono particelle di scarto di frutta, caffè, frumento.
    Le aziende che si dichiarano eco-friendly applicano veramente questo concetto con l’utilizzo di materiali “responsabili”?

    È vero, una carta ecologica è più cara rispetto ad una carta tradizionale, tuttavia, da una ricerca Nielsen emerge che circa il 70% dei consumatori è disposto a spendere di più per un prodotto a basso impatto ambientale. E non solo per il prodotto in sé, ma anche per un packaging più sostenibile.

 

  • Per un dépliant, un catalogo, una rivista, o una locandina, ci proietteremo su carte patinate lucide o opache, che hanno una resa migliore di stampa e rispettano di più i colori e i riflessi.

Le nobilitazioni

La carta stampata e non, può essere nobilitata per aumentarne il valore, rendendola unica e riconoscibile.

Per farlo possiamo avvalerci della plastificazione, la stampa lamina a caldo in varie colorazioni , stampa  a caldo in rilievo/basso rilievo, vernici serigrafiche lucide e opaca.

Plastificazione: è l’accoppiatura della carta con una pellicola sintetica che ne migliora l’aspetto e la rende più resistente. Le pellicole possono avere diverse caratteristiche e si differenziano in lucida, opaca e soft touch.
La plastificazione lucida conferisce brillantezza al prodotto e ne esalta i colori. È consigliata dove prevalgono le immagini, sulla copertina di un catalogo per esempio o di una cartolina.
Quella opaca è una delle lavorazioni più classiche, attenua i colori e la luce riflessa, dunque è molto più adatta a prodotti che hanno molto testo perché ne migliora la leggibilità, pur senza rinunciare alla resistenza e alla qualità della carta plastificata.

La plastificazione più innovativa è quella soft touch che ha la particolarità di rendere il prodotto quasi vellutato al tatto e dunque molto elegante e piacevole da toccare. In questo caso, il film da applicare sulla carta ha una consistenza particolare che rende il foglio morbido, ma resistente al tempo stesso.

 

La lamina e la vernice giocano con l’effetto lucido/opaco dando una tridimensionalità al prodotto finale, con un risultato assolutamente realistico. Questo insieme di tecniche raggiunge il massimo della sua espressione nella stampa di biglietti da visita,  copertine di cataloghi e libri, cartoline di auguri e packaging.

 

Il mondo della carta è per noi sempre affascinante e in costante evoluzione; forme e materiali che si combinano, diventano una parte cruciale nell’esperienza di acquisto del consumatore finale.

Noi di Prograf siamo sempre aggiornati sull’argomento, per poter offrire ai nostri clienti la tipologia di carta più adatta a valorizzare al meglio il loro brand.